Cock RingWeb HostingSpell Check

Rassegna Stampa

L’Orchestra del Festival suona per i bambini asiatici

0
L’Orchestra del Festival suona per i bambini asiatici

BRESCIA OGGI – Giovedì 02 Dicembre 2010
L’INIZIATIVA. Sabato sera il concerto benefico in San Barnaba.

 

Tradizione della classica e intenzione solidale: coniuga questi percorsi binari il «Concerto per i bambini» in programma sabato sera alle 20.45 nella cornice dell’auditorium San Barnaba, in città. Il fine nobile dell’appuntamento si contestualizza nell’operato volontario dell’Associazione bresciana «Una mano per i bambini Onlus», fondata nel luglio 2006 e presieduta da Melania Gastaldi, la quale cura direttamente l’organizzazione della serata (patrocinata dal Comune e dall’assessorato alla Cultura). «Avvertire il supporto di artisti e istituzioni locali è per noi motivo di grande orgoglio – spiega la Gastaldi -: è un segnale importante, indica che stiamo facendo le cose per bene».

 

La Onlus opera in alcune delle regioni più «difficili» dell’area asiatica, come Birmania e Cambogia, assolvendo principalmente al sostegno medico-sanitario dei bambini, al finanziamento e allo sviluppo efficiente delle strutture atte all’istruzione primaria. Il connubio tra musica e solidarietà – «ormai una tradizione per la nostra città», sottolinea la presidente del Consiglio comunale Simona Bordonali – vedrà all’opera sul versante artistico l’orchestra del Festival pianistico di Brescia e Bergamo, diretta da Pier Carlo Orizio e impreziosita dal pianoforte autoctono di Massimiliano Motterle».

 

Tre le esecuzioni in programma: si parte con la Sinfonia n. 44 in mi minore «Trauer», manifesto del periodo centrale di Franz Haydn, in odore di «sturm und drang» e atmosfere cariche d’intensità; dolcezza e toni melliflui, invece, per l’«Idillio di Sigfrido», composizione che Wagner dedicò al figlio, eseguendola per la prima volta con 13 elementi, proprio tra le mura domestiche.

 

Si chiuderà tra i tecnicismi e i monologhi a coda, autografati Mozart, del «Concerto in mi bemolle maggiore». L’ingresso prevede un’offerta minima di 20 euro (il ricavato sarà devoluto al sostentamento dei progetti in corso): si può prenotare telefonicamente al 335 6859543. E.ZUP.